Ihre Browserversion ist veraltet. Wir empfehlen, Ihren Browser auf die neueste Version zu aktualisieren.

Auf Social Media teilen

 

 

 

      Hol dir Hilfe!

       Cherches de l’aide!

             Chiedi aiuto!

           ¡Pide ayuda!

     Procura ajuda!

 Yardim Íste!

          Kërko ndhimë!

      Kérj segítséget!

      Get yourself some help!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Chiedi Aiuto!

Non sei il/la colpevole!
Non importa quale specie di violenza o maltrattamento hai dovuto subire. Tu non sei colpevole del fatto che sei stato maltrattato o violentato. In ogni caso di abuso o violenza la responsabilità e unicamente della persona che maltratta e violenta.

Non sei solo/a!
Il 10% dei minori nelle famiglie svizzere viene picchiato, 3000-4000 giovani subiscono e sono ogni anno vittime di abuso sessuale nell'ambito sportivo e nel tempo libero. Quanti bambini e giovani subiscono nell'ambito scolastico e sportivo violenze psichiche e abusi sessuali? In ogni caso sono tanti e di diversi strati sociali. Non sei solo/a con le tue esperienze!

Può spezzare il tuo "silenzio" e rivelare i tuoi "segreti sgradevoli"!
Il silenzio delle vittime é la migliore protezione per i colpevoli. Spesso vengono convinte le vittime dai loro aguzzini a tenersi per se i loro "segreti" comuni. La paura di tradire i colpevoli o che nessuno crederà l'accaduto può essere enorme. Ti riguarda? Allora è importante sapere che ti è possibile parlare dell'esperienza e far finire violenze e abusi contro di te. Solo cosi puoi far nascere prove e dimostrare la colpevolezza per poi bloccare la situazione.

Provaci in continuazione!
Tante di queste vittime devono raccontare parecchie volte l'accaduto e cercare aiuto prima di trovare qualcuno che gli crede.

Dove trovare comprensione e dove ricevere aiuto!
Confidati con un adulto, amico o amica e consulta un ufficio di consulenza. Queste persone comprendono le tue paure e preoccupazioni, ti consiglieranno e ti aiuteranno a trovare soluzioni. Indirizzi su ufficio di consulenza li troverai sull'elenco telefonico o cliccando indirizzi

Hai diritto a cercare e ricevere aiuto!
Non intimidirti in caso di urgenza a chiedere aiuto a persone nella strada, sul tram, nel bus, a un maestro o qualsiasi altra persona. Hai diritto ad aiuti e consigli, indipendentemente da cosa e come hai vissuto la situazione. Hai diritto a:

  • Parità di trattamento e protezione, indipendentemente da razza, religione, nazionalità e sesso
  • Un nome e nazionalità
  • Salute
  • Istruzione e formazione
  • Tempo libero, giochi e attività ricreative
  • Informarti, communicare, essere ascoltato e riunirti
  • Sfera privata e educazione in senso di pace e alla parità dei diritti
  • Aiuto immediato in situazioni di catastrofi e stato d'emergenza, protezione contro crudeltà, trascuratezza, sfruttamento e inseguimento
  • Una famiglia, assistenza dai genitori e un tetto sicuro
  • Assistenza disabili

Vuoi leggere la convenzione sui diritti dei bambini per intero o nella tua madre lingua? La trovi sotto www.unicef.org in altre 58 lingue.


Vuoi aiutare!

Sei tu una delle persone vicino a vittime che subiscono violenze e abusi? Hai osservato casi di violenza e maltrattamenti su bambini e giovani?

Vuoi aiutarli? Allora ti possono essere utili queste indicazioni:

  • Non precipitare niente! Se vuoi, scrivi tutto quello che sai su un foglio con data e cronaca di accaduto.
  • E' importante: Chiedi aiuto!
    Racconta quello che hai osservato o vissuto ad un adulto, chiama la polizia (Svizzera 117, Germania 110, Austria 133, Italia) o rivolgiti a uffici di consulenza che troverai cliccando
    indirizzi.
  • Comunica alle vittime tutto quello che hai letto e sentito su violenze e abbusi contro I bambini e giovani, e che tu hai creduto a tutto quello che ti e stato raccontato.
  • Non promettere quello che tu non puoi mantenere.
  • Rassicura la vittima che non farai niente senza il suo consenso.
  • Incoraggiali a spezzare il loro silenzio, a raccontare il loro calvario e cercare aiuto.
  • Informali che ogni bambino o giovane ha diritto a chiedere e ricevere aiuto, per evitare cosi altri maltrattamenti. Questo funziona solo se si smette di tacere.

Maltrattamento e violenza

Si parla di maltrattamento quando vengono ristretti o minacciati i tuoi diritti e la tua dignità. É quanto accade nei seguenti esempi:

  • Ti vengono tolti diritti elementari come (mangiare, vestire, abitare, assistenza medica)
  • A causa della tua origine, cultura e salute vieni allontanato ai margini della società. Vivi mancanze di sorveglianza, protezione e cordialità.
  • Il tuo sviluppo personale, emozionale, mentale e sociale viene trascurato e impedito.
  • Ti viene concesso poco tempo libero per rilassarti e per i contatti sociali.
  • Il tuo comportamento viene controllato con il denaro.
  • Nella separazione o divorzio dei tuoi genitori vieni usato come mezzo di pressione finanziaria.
  • Vieni istigato a commettere azioni violente, militanti o criminali.
  • Vieni offerto ad altri per azioni sessuali.
  • Vieni mandato a fare elemosina o sfruttato per lavoro minorile.

Subisci violenze fisiche

  • Vieni picchiato, strangolato, pizzicato, bruciato, spinto, preso a calci, preso per le orecchie, tirato per i capelli.
  • Ti vengono storte le braccia.
  • Ti minacciano con Armi e oggetti.

Subisci violenze psichiche - Mobbing é anche una violenza psichica!

  • Subisci violenze in ogni tipo di relazione.
  • Contro di te si inventano calunnie e diffamazioni.
  • La tua proprietà viene distrutta, commettono violenza contro i tuoi amici, genitori o animali domestici.
  • Vieni messo sotto pressione. Vengono pubblicati su Internet o mandati sms informazioni personali, foto intime o scene erotiche su te o insieme a te. Consiglio: Non cancellare testimonianze che potrebbero essere utili o molto importanti.
  • Vieni trattato come servo, comandato e di continuo interrotto nei tuoi discorsi.
  • Vieni sgridato, ricattato, compromesso, sottovalutato, ignorato e presa per matto.
  • Vieni trattato come una proprietà privata; ti controllano permanentemente cosa fai e con chi parli.
  • Ti vietano contatti con amici e parenti.
  • Ti impediscono con sguardi, fatti, gesti, oggetti o armi.
  • Vieni rifiutato, respinto, non considerato. Si pretende un certo tipo di comportamento.
  • I colpevoli negano i maltrattamenti, li minimizzano e danno la colpa a te!
  • Ti minacceranno con "Andrai all'inferno", "Dio ti punirà", "Non diventerai mai nessuno", "Sarebbe stato meglio non metterti al mondo".
  • Ti picchiero' o incatenero'. Ti chiudo in una clinica o in un collegio. Ti abbandono. Mi uccido.
  • Si cerca di ricevere informazioni su uno dei tuoi genitori o devi fare da intermediario tra i genitori.
  • Oppure ti si fa assumere il ruolo di compagno o compagna.

Subisci abuso sessuale ( violazioni sessuali, usurpazioni sessuali, sfruttamenti sessuali)

  • Esempi: Commenti osceni, abbordaggi, sguardi a scuola, in famiglia, chat, sul tram, bus, discoteca ecc.
  • Ti senti osservato o vieni osservato nel bagno in una cabina o una doccia pubblica.
  • Ricevi telefonate anonime, in cui si sentono gemiti, ti vengono dette parole immorali o vieni riempito di "parole" per abbordarti.
  • Ti inviano posta elettronica con foto o film pornografici.
  • Giovani o adulti pretendono da te con frasi come: "Tutti fanno cosi", di spogliarti per fotografarti, convincendoti con regali e false promesse.
  • Giovani o adulti si mettono insistentemente nudi davanti a te, ti lasciano guardare mentre hanno rapporti sessuali, ti fanno guardare film pornografici o foto. Si strofinano sul tuo corpo fino all'eccitamento. Ti invitano a stimolarti e pretendono di avere rapporti sessuali con te.

All'inizio le vittime vivono la relazione con i colpevoli con tanta prontezza e inconsapevolezza. Poi però, con in passare del tempo si accorgono che é umiliante e senza potere. Spesso le Vittime vengono costretti dai colpevoli a non parlare!

Sei una vittima di maltrattamenti e violenze? Tramite l'ONU convenzione dei Bambini, in base alle disposizioni della Legge, hai diritto/dovere a chiedere Aiuto!


Conseguenze di violenze e maltrattamenti

Bambini o giovani che sono state vittime di maltrattamenti o violenze perdono la fiducia, hanno paure e dubitano sulle proprie percezioni, sono stupiti, si sentono traditi, inutili, provano vergogna, impotenti e senza controllo sulla propria vita, colpevoli, anche se' la responsabilità e assolutamente dei veri colpevoli, cioè dei violentatori.

Situazioni di maltrattamenti e violenze vissute portano a breve termine o purtroppo, molto spesso per sempre, conseguenze.

  • Se non si chiede aiuto, non si potranno mai fermare i colpevoli.
  • La pressione interiore in un bambino o giovane viene scaricata sui più giovani o più deboli per esempio; picchiando, minacciando, rapinando, intimidendo e danneggiando le loro cose.
  • Il non potersene liberare dalle violenze e maltrattamenti, può portare spesso a isolarsi e creare problematiche nel costruirsi e curare le amicizie; rifugiarsi su internet; interrompere il contatto con l'esterno!
  • Tante di queste vittime cercano di stordire il dolore, la paura, i sensi di colpa e le vergogne con l'alcool e la droga.
  • A scuola o su posto di lavoro si fanno notare per comportamenti strani, hanno difficoltà a imparare o a concentrarsi nel lavoro, oppure sono molto efficientisti.
  • Le critiche che si vanno accumulando a causa del loro comportamento li possono portare a sentirsi svalorizzati, inutili, e pensano che la loro vita non ha più un senso e che vogliono solo scappare via.
  • Non tutti, ma la maggior parte delle vittime si rende conto solamente da adulto che la causa sta in ciò che si é subito da bambino o da giovane. Spesso soffrono a causa di quanto detto in precedenza o di depressioni, dipendenza, Co-dipendenza, problemi di relazione, disturbi alimentari, distruzione personale, sdoppiamento della personalità. Nel frattempo e stato dimostrato che adulti che nell' infanzia o da giovani hanno subito violenza, probabilmente violenti saranno in futuro.

Cookie-Regelung

Diese Website verwendet Cookies, zum Speichern von Informationen auf Ihrem Computer.

Stimmen Sie dem zu?